Nuovo parco

Parco Cimiteriale

Già da diversi anni la Selav ha proposto all'Amministrazione del Comune di Napoli la propria disponibilità per collaborare alla effettiva nascita del Parco Cimiteriale, ovvero alla riqualificazione urbanistica ed all'integrazione dei servizi per tutti i cimiteri di Napoli. Occasioni propizie sono state ad esempio alcune pubblicazioni promosse dall'Amministrazione che raccontano essenzialmente la bellezza e l'importaznza storico culturale architettonica dei luoghi cimiteriali di Napoli.

Quanto riportato di seguito è il sunto di progetto ampio, articolato ed ambizioso che aspira a vedere realizzato il Parco Cimiteriale così come merita la citta.

1 PREMESSA
L'Ambiente funziona come un organismo nel quale un singolo intervento locale crea conseguenze sull' intero sistema, poiché i vari elementi sono collegati tra di loro da una stretta rete di relazioni. Queste strette relazioni (sistema) possono essere considerate come per il corpo umano il nostro sistema nervoso. Rompendo questo equilibrio il sistema viene distrutto, o si crea un nuovo equilibrio. Volendo contestualizzare quanto dato per esempio logico, parliamo del Parco della Memoria e dei Cimiteri limitrofi del comune di Napoli.
L'idea è quella di creare un sistema ambiente con l'integrazione di tecnologie che definiamo strutturali atte a creare un nuovo equilibro che si autoproduce e diventa auto sostenibile sulle strutture sotto indicate quindi creare autonomia energetica :
STRUTTURE COMUNALI - uffici - sale mortuarie - ipogei comunali - servizi generali campi di inumazione
STRUTTURE PRIVATE- cappelle e monumenti
LUOGHI DI CULTO - chiese- arciconfraternite -

RIFERIMETI NORMATIVI
• Piano regolatore cimiteriale anno 2005 ( Comune di napoli)
È stato preso in considerazione come dati certificati in TABELLE ALLEGATE sia DEL parco della memori sita nel cimitero di Poggioreale che dei 9 cimiteri ( VEDI SCHEDE ALLEGATE)
Gazzetta ufficiale del 28/03/2012 ( Adozione dei criteri ambientali minimi da inserire nei bandi di gara della pubblica amministrazione per l'acquisto di servizi energetici per gli edifici
UNI CEI 11352 per le società ESCO
DELIBERA DELLA GIUNTA Comunale 08 marzo 2012

TASKS
La struttura come idea da sviluppare è quella di 3 TASKS così divise:
EFFICIENTAMENTO
FONTI RINNOVABILI
TECNOLOGIE INFRASTUTTURATE


1. TASKS (EFFICIENTAMENTO)


Per EFFICIENTAMENTO si intende creare un risparmio energetico dinamico, che interagisce con l' ambiente ed è correlate a tutte quelle infrastrutture connesse ai siti .

1. SUBTASKS
sostituzione lampade votive ad incandescenza scheda 24 del D.M. 20/07/2004)
sostituzione lampade stradali
mobilità interna
convogliatori solari


2 TASKS (FONTI RINNOVABILI )
Considerando che le rinnovabili non sono esauribili ma bisogna investire in tecnologie ,nel concetto espresso in precedenza sul dinamismo, è inteso che efficentare la produzione di energia pulita bisogna creare un meccanismo virtuoso che sia direttamente proporzionale al singolo fabbisogno energetico dei siti .
2. SUBTASKS
Fotovoltaico
Mini eolico
Biomassa per casse e secco per singolo sito

3 TASKS (TECNOLOGIE INFRASTRUTTURATE )
Come noto il problema in agguato è l'inadeguatezza delle tecnologie infrastrutturali - rispetto alle necessità future. UN ESEMPIO come i server vengano sostituiti all'incirca ogni tre anni, mentre gli apparati infrastrutturali durino molto più a lungo, anche decenni: è importante dunque scegliere soluzioni flessibili, ovvero modulari e scalabili, per adattarle a diverse esigenze nel breve e lungo periodo.
  La scelta fatta è stata quella di usare la rete elettrica come vettore di informazione integrando tecnologie ad onde convogliate andando a creare tante mini reti intelligenti definite MINIGRID . (STISTEMA BIDIREZIONALE che permette di erogare servizi dinamici ).

3. SUBTASKS
• Virtual POWER PLANT (Centrale elettrica virtuale)
Che permette di gestire molteplici risorse distribuite per la generazione di energia in maniera centralizzata e che nel futuro può svolgere un ruolo chiave nelle smart grid .
   • ricarica elettrica


ATTIVITA' DA PREVENTIVARE PER STUDIO DI FATTIBILITA'

   ATTIVITA' DA CAMPO
Diagnosi energetica e monitoraggio sulle attuali performance energetiche delle strutture edilizie degli apparati e degli impianti finalizzati alla valutazione dei fabbisogni effettivi e dei potenziali in termini di risparmio energetico e riduzione delle emissioni di C02
Campagne di misura sulle linee elettriche con interfaccia ai punti di consegna dell' Ente distributore per analisi tecniche gestionali relative alla misura dei consumi elettrici e successiva pianificazione degli opportuni interventi strutturali.
Per singolo sito o edificio:
Prelievo del Consumo elettrico
Archiviazione delle grandezze elettriche
Pianificazione degli opportuni interventi strutturali
Progettazione finalizzata al risparmio energetico e all'eco-efficienza. L'attività deve consentire di definire tempi, costi, modalità di realizzazione e risparmi conseguibili grazie agli interventi, compreso il valore dei Titoli di Efficienza Energetica, specificando, inoltre, gli elementi relativi al bilancio economico-finanziario e al bilancio ambientale.
Valutare anche il supporto legale per l'espletamento di eventuali procedure di gara
interventi sulle strutture edilizie: isolamenti, superfici vetrate, serramenti, ecc;
interventi sugli apparati elettrici e gli impianti: illuminazione, caldaie, motori, pompe di calore,
interventi di Building System Automation, ecc;
produzione di energia da fonti rinnovabili: solare (termico, cooling, fotovoltaico), biomasse, eolico, - cogenerazione .
• E' da pensare un marchio ecologico appositamente definito per gli interventi che saranno realizzati
IL Progetto è da strutturare in funzione della loro sostenibilità finanziaria, grazie ai minori costi derivanti dalla riduzione dei consumi energetici.
DIAGNOSI ENERGETICA E MONITORAGGIO
Audit energetico ,ovvero di una diagnosi sulla situazione energetico-ambientale esistente - permette di creare uno strumento di controllo per verificare l'efficienza energetica delle proprie strutture e l'efficacia dei contratti di fornitura esistenti, così da disporre di tutti gli elementi conoscitivi necessari per la successiva eventuale individuazione dei possibili interventi migliorativi di carattere tecnico-gestionale. Il servizio prevede il recupero delle bollette energetiche e l'analisi dettagliata dei dati relativi ai consumi, nonché, su richiesta, un sopralluogo tecnico nel sito interessato; permette di individuare le possibili alternative per un efficiente sistema di approvvigionamento e di gestione energetica, in ottica di risparmio complessivo (investimento iniziale e consumi energetici). L'analisi, effettuata mediante in raffronto con standard quali-quantitativi (benchmark), permetterà di confrontare la situazione dell'Ente con quella di Enti analoghi, al fine di individuare i margini di miglioramento possibili rispetto alla situazione rilevata.